FAQs

FAQs - domande frequenti

  1. Perchè utilizzare la filtrazione nell'industria?
  2. Perchè è utile filtrare l’acqua utilizzata in processi industriali?
  3. Quali sono le caratteristiche dei filtri a dischi rotanti?
  4. Quale tipo di trattamento eseguono i filtri a dischi rotanti?
  5. A quale grado di filtrazione possono arrivare i dischi filtranti?
  6. Ma un disco filtrante non ha una superficie di filtrazione piccola?
  7. Come sono fatti i dischi filtranti?
  8. Che tipo di liquidi si possono filtrare?
  9. Tutti i filtri da Voi prodotti hanno i dischi filtranti?
  10. Che differenza c’è tra sistemi di filtrazione statici e sistemi dinamici?
  11. Come funziona la filtrazione a membrana?
  12. Quali filtri sono più adatti per l’industria?
  13. Quali filtri sono più indicati per una filtrazione in ambito civile?
  14. Come funziona il controlavaggio o l’autopulizia?
  15. Dove deve essere installato un impianto di filtrazione?
  16. E’ possibile installare da soli un impianto di filtrazione?
  17. Quanto spazio serve per installare un sistema di filtrazione?
  18. L’installazione ha bisogno di elettricità per il suo funzionamento?
  19. Qual’ è la durata di un disco filtrante o di un impianto in generale?

 

torna all'indice ^ Perchè utilizzare la filtrazione nell industria?

  • Un filtro è un investimento di costo ridotto (filtra perfettamente ogni tipo di acqua prelevata da pozzi, canali, laghetti, ecc.)
  • E’ praticamente esente da manutenzione » (vedi dischi filtranti)
  • Si usa facilmente senza particolari competenze
  • Non ha organi esterni in movimento
  • Filtra in continuazione, anche in fase di autopulizia
  • Non ha materiale consumabile da sostituire

torna all'indice ^Perchè è utile filtrare l’acqua utilizzata in processi industriali?

  • Per risparmiare costi riutilizzando più volte la stessa acqua (risparmio sulle spese energetiche)
  • Per migliorare le prestazioni del sistema
  • Per risparmiare sui costi di drenaggio delle acque reflue
  • Perché non è sempre possibile utilizzare acque di condotte
  • Per aiutare l’ambiente » (vedi “Il riutilizzo dell’acqua”)
     

torna all'indice ^Quali sono le caratteristiche dei filtri a dischi rotanti?

  • Compatti, robusti, sempre funzionanti
  • Struttura del filtro in acciaio inox (resistente alla corrosione nel tempo)
  • Può filtrare in continuazione e senza manutenzione (anche per mesi) in un corretto funzionamento filtrazione/autopulizia
  • Non richiedono competenze specifiche
  • Funzionano senza particolari installazioni invasive
  • Nel modello idraulico funzionano anche senza corrente elettrica
  • Costituiscono nel loro insieme una grande superficie filtrante
  • Hanno portate litri/ora di liquido filtrato in uscita molto elevate
     

torna all'indice ^Quale tipo di trattamento eseguono i filtri a dischi rotanti?

  • Una filtrazione di tipo meccanico
     

torna all'indice ^A quale grado di filtrazione possono arrivare i dischi filtranti?

Da 75 a 500 micron (da 200 a 35 mesh) in funzione del modello dei dischi.
Per alcuni dischi si può arrivare fino a 5 micron di filtrazione.
 

torna all'indice ^Ma un disco filtrante non ha una superficie di filtrazione piccola?

No, al contrario. Proprio per le sue caratteristiche costruttive, un disco filtrante, montato in serie con altri, costituisce una superficie filtrante totale molto ampia. A secondo del modello di filtro si può avere da 13.000 a 32.500 cm2 di superficie filtrante con portate di liquido filtrato molto grandi.
 

torna all'indice ^Come sono fatti i dischi filtranti?

Sono composti da un nucleo in materiale plastico su cui viene saldato un tessuto in poliestere. Le impurità vengono trattenute ma non si attaccano al disco stesso. Anche in presenza di forti pressioni, il disco non smette mai di filtrare » (vedi “I dischi filtranti”).
 

torna all'indice ^Che tipo di liquidi si possono filtrare?

Molti liquidi utilizzati in processi industriali, anche se prevalentemente il maggiore utilizzo è dedicato alla filtrazione dell’acqua sia nell’agricoltura (irrigazione), che in vari settori industriali per il riutilizzo in processi di lavaggio » (vedi “tipi di fluidi filtrabili”).
 

torna all'indice ^Tutti i filtri da Voi prodotti hanno i dischi filtranti?

No. La produzione di Officine Parenti comprende, oltre ai filtri a dischi autopulenti, anche filtri più tradizionali, come filtri idrocicloni o filtri a quarzite.
 

torna all'indice ^Che differenza c’è tra sistemi di filtrazione statici e sistemi dinamici?

Filtri statici si possono considerare:

  • gli idrocicloni
  • i filtri a graniglia (o a quarzite)
  • i filtri a dischi della serie Junior

Non hanno organi in movimento. E’ il liquido che deve essere filtrato che attraversa il sistema in modo tangenziale, (nel caso dei filtri idrocicloni e nei filtri a dischi Junior), o per gravità (nel caso dei filtri a quarzite).
Sistemi dinamici sono invece i filtri a dischi della serie Professional, di nostra esclusiva costruzione. I dischi ruotano azionati da un motore idraulico interno o da un motore elettrico, in funzione del modello. La combinazione del flusso tangenziale del liquido in filtrazione con la rotazione dei dischi determina una filtrazione perfetta ed una portata molto elevata di liquido filtrato.
 

torna all'indice ^Come funziona la filtrazione a membrana?

Si utilizza una barriera fisica (i dischi filtranti) per separare le particelle dal fluido (microfiltrazione).
Anche i filtri a schermo, o a calza, si possono considerare parte di questa famiglia, ma richiedono una manutenzione costante, al contrario dei dischi che sono autopulenti.
 

torna all'indice ^Quali filtri sono più adatti per l’industria?

I filtri della serie Professional. Grado di filtrazione elevato, ampia superficie filtrante, portate del liquido filtrato in uscita molto grandi, filtrazione ininterrotta anche durante l’autopulizia, manutenzione praticamente assente.
 

torna all'indice ^Quali filtri sono più indicati per una filtrazione in ambito civile?

Per la loro portata e continuità di filtrazione i filtri a dischi autopulenti Professional, per le stesse caratteristiche riportate nella domanda sopra.
 

torna all'indice ^Come funziona il controlavaggio o l’autopulizia?

E’ il sistema che assicura l’efficienza di ogni filtro e si attiva o per differenza di pressione (caduta) del liquido filtrato in uscita, o per mezzo di una centralina elettronica programmata (cicli di autopulizia).
Nel caso dei filtri a graniglia il controlavaggio è determinato da un’inversione del flusso del liquido.
Nei filtri a dischi l’autopulizia si attiva con una centralina che comanda l’apertura di una valvola ed avviene con lo stesso liquido usato per la filtrazione.
Una corretta gestione dei cicli di autopulizia consente un funzionamento ottimale e duraturo dei filtri nel tempo e senza particolari interventi di manutenzione.
 

torna all'indice ^Dove deve essere installato un impianto di filtrazione?

Dipende dal tipo di impianto e dal filtro usato. I nostri filtri sono costruiti con materiali di qualità e hanno il corpo principale in acciaio inox, quindi resistente alla corrosione e agli agenti atmosferici.
Possono essere installati all’esterno, anche se per una collocazione ottimale è sempre bene proteggere l’installazione, specie in presenza di torri di filtrazioni di grandi portate » (vedi “Torri di filtraggio).
 

torna all'indice ^E’ possibile installare da soli un impianto di filtrazione?

Un impianto professionale a torre è bene sia installato da tecnici specializzati e sottoposto a manutenzione periodica. Un filtro di Professional se utilizzato singolarmente, può anche essere installato in modalità “fai da te”, purchè siano rispettate le condizioni descritte nei manuali installazione, uso e manutenzione e le specifiche elencate nella garanzia.
 

torna all'indice ^Quanto spazio serve per installare un sistema di filtrazione?

Dipende dalla destinazione d’uso, dalle dimensioni dell’impianto, dalla portata del liquido da filtrare in entrata e dal liquido filtrato in uscita.
Alcune applicazioni per l’agricoltura, in modalità filtro singolo, possono essere installate anche a bordo trattore, o su appositi carrelli mobili.
Installazioni particolarmente professionali, a torre, con uscite di liquido filtrato molto elevate, richiedono stanze molto alte e basi di appoggio strutturate.
In realtà non esiste una regola perché è indispensabile valutare molti fattori. Certamente esiste una soluzione per ogni esigenza perché i nostri modelli consentono di soddisfare ogni esigenza e si adattano ad ogni luogo di installazione sia orizzontale che verticale.
 

torna all'indice ^Qual’ è la durata di un disco filtrante o di un impianto in generale?

Un disco filtrante, in un contesto di utilizzo corretto e normale, ha una vita molto lunga (2-3 anni) perché costruito con elementi come nylon e poliestere. Si potrebbero raccontare aneddoti in cui nostri clienti si sono letteralmente dimenticati del loro impianto o casi in cui, esaurite le batterie, il ciclo di autolavaggio dei filtri non avveniva più. Tuttavia i filtri continuano la loro attività di filtrazione.

DOVE SIAMO

Invia la tua richiesta!

Hai bisogno di un´┐Żapplicazione per un impianto particolare?
Vuoi un filtro "su misura"? « Entra »


sistema_filtrazione_dischi

Sistema di filtrazione
a dischi >> (entra)

Filtrazione

La filtrazione industriale
>> (entra)


Brevetto

Brevetti
>> (entra)


Brevetto

Il riutilizzo dell'acqua
>> (entra)



OFFICINE MECCANICHE PARENTI S.r.l.
Via Emilia n° 51/E 40011- Anzola dell’Emilia (Bologna) - Italy
Tel.: +39 (051) 73.21.90 - info@omparenti.com
P.IVA e C.F.: 02577301209 NUMERO REA: BO - 450522 ISCRITTA NELLA SEZIONE ORDINARIA IL 03/08/05
CAPITALE SOCIALE VERSATO : € 10.000,00 €